Modifica lingua

Dove trovare il gelato più buono del mondo

Un bel gelato fa sentire spensierati, quasi… in vacanza! La fresca golosità che piace a tutti sa come sorprenderci con varianti inaspettate: in Italia ma anche in Cornovaglia, e addirittura in Thailandia. Dalla classica brioche siciliana col gelato, partiamo alla volta del mondo per scovare gusti e consistenze che delizieranno (e divertiranno!) grandi e piccini.

La brioche nostrana col gelato, a Palermo

La neve dell’Etna un tempo veniva usata per fare i sorbetti. Oggi, grazie all’avvento dei congelatori, l’evoluzione è il gelato, e la versione siciliana nella brioche è un must dell’estate. Stefania Crimaldi, del boutique hotel Palco Rooms&Suites, consiglia di provare quella di Brioscia: “Le porzioni sono così abbondanti che praticamente ci pranzi. I gusti più buoni sono pistacchio e mandorla, naturalmente col cioccolato sciolto sopra!”.

Il gelato della Cornovaglia, in Inghilterra

Gli inglesi sono invidiosi del gelato prodotto in questa regione del paese. Ma perché è così buono? Be’, il terreno e le condizioni climatiche della Cornovaglia sono semplicemente ideali per l’allevamento di mucche da latte, da cui il principale prodotto di esportazione della regione, la clotted cream (“panna rappresa”), ingrediente essenziale del tipico gelato cornish. Secondo Antonia Shields, proprietaria degli Antonia’s Pearls holiday cottages, il gusto Coconut Bounty della gelateria Tall Ships Creamery è il secondo più buono in tutta la Cornovaglia… dopo quello al limone di sua nonna, ovviamente. Soggiorna in uno dei suoi cottage o scegli il sontuoso Tregenna Castle Resort, immerso in quasi 30 ettari di terreno nei pressi di St Ives.

I rotolini di gelato a Bangkok, in Thailandia

Al Chatuchak Weekend Market, ma anche ai chioschi della zona di Saphan Lueng, puoi trovare questo curiosissimo gelato che si prepara spargendone uno strato sottile sulla piastra ghiacciata a -35°C e poi “arrotolandolo” assieme agli ingredienti più particolari e golosi, tra cui frutta esotica e biscotti Oreo. Dopo averlo gustato, rilassati allo Yor Yak Hostel, dove la mattina ti verrà servita gratuitamente la colazione in contenitori da picnic stile Thai. Oppure tuffati (letteralmente!) nell’oasi urbana del COMO Metropolitan Bangkok, elegante hotel con una enorme piscina all’aperto.

Il “mochi ice cream” di Tokyo, in Giappone

Affonda i denti nella morbida pallina di riso e troverai un cuore fresco e cremoso: questo è il mochi ice cream, un dolce incontro fra la tradizione orientale e quella occidentale. L’invenzione è di Frances Hashimoto, proprietaria nippo-americana di una pasticceria a gestione familiare a Little Tokyo, Los Angeles, che va avanti da quattro generazioni. E in Giappone è stata subito mania! Presso i punti vendita specializzati, come il Mochicream, trovi gusti particolarissimi come sakè dolce e sesamo nero, ma puoi trovarli anche nei supermercati. Per un’esperienza alla “Lost in translation”, gustali nella tua camera al Park Hyatt Tokyo, mentre se preferisci qualcosa di più tradizionale scegli il Ryokan & Spa Shizuku, con le sue vasche da bagno in legno e i bei giardini.

Il kulfi di Delhi, in India

Secondo Rishabh Anand, chef pasticcere presso The Leela Palace New Delhi, il posto migliore in città per gustare il dessert preferito dagli indiani è il Kuremal Mohanlal Kulfi Wale, in Kucha Pati Ram 526 (nel mercato di Chandni Chowk). “Hanno dei gusti davvero innovativi, tra cui mela e crema pasticcera e sharbat alle more”, spiega. Soggiornando al The Leela potrai concederti un’esperienza di lusso tra dettagli in marmo travertino e ben 14.000 fiori freschi consegnati ogni giorno. Cerchi qualcosa di più tipico? Allora scegli l’Haveli Dharampura, ricavato in una splendida casa restaurata.