Modifica lingua

Le città sempre più visitate dagli italiani

Il viaggio è da sempre associato al cambiamento e al rinnovamento. In questo spirito, per i viaggiatori alla ricerca di nuovi inizi, abbiamo deciso di trovare le città in tutto il mondo che nel corso degli ultimi 5 anni hanno vissuto una sorta di rinascita.
Grazie a un periodo di boom economico, a scenari politici favorevoli e a vivaci ambienti artistici, queste città sono state catapultate sotto i riflettori degli amanti dei viaggi.

Proseguendo la nostra serie, rivolgiamo ora la nostra attenzione ai viaggiatori italiani e alle città del mondo che sono sempre più nel loro radar.*

Aqaba, Giordania

Il paesaggio frastagliato nei dintorni di Aqaba

Il paesaggio frastagliato nei dintorni di Aqaba

Aqaba è l’unica città della Giordania con uno sbocco sul mare. Meta popolare tra i giordani, la città e le sue spiagge attirano ora sempre più viaggiatori internazionali. Decadi di prosperità, sicurezza e governo stabile hanno favorito il fiorire di Aqaba e la trasformazione è già iniziata, grazie a progetti come Vision 2025, che si propone di portare i flussi turistici fino a un milione e mezzo di visitatori all’anno, e iniziative come il porto turistico di Marsa Zayed e Tala Bay. Lambiti dalle gentili onde del Mar Rosso e abbracciati dalle montagne di argilla del Wadi Rum, gli edifici color sabbia di Aqaba si apprezzano al meglio dall’acqua, per esempio dall’Hotel Al Manara. Il principale punto a favore di Aqaba rimane la posizione, a poche ore in auto dalle valli di sabbia e dai canyon del Wadi Rum e da quello spettacolo naturare che è Petra. Soggiorna in un campo nel deserto oppure fai un giro in mongolfiera (budget permettendo) sul Wadi Rum, per apprezzare al meglio il labirinto di acquedotti e canali che hanno a lungo abbeverato questa città nel deserto.

Chefchaouen, Marocco

Il blu magnetico di Chefchaouen

Il blu magnetico di Chefchaouen

Incastonata tra le montagne del Rif, Chefchaouen è di una bellezza che si può ben dire celestiale. Con case ed edifici dipinti in una tonalità di blu profondamente ipnotica (non è chiaro se in onore di una tradizione ebraica, se per mantenere la città fresca e tenere lontane le zanzare o se a rappresentare il blu del cielo e del mare), Chefchaouen si è guadagnata l’appellativo di Perla Blu. Qui potrai visitare una delle medine più belle di tutto il Marocco, passeggiando per stradine che si inerpicano tra edifici blu, spesso con i muri abbelliti da vasi colorati, viti rampicanti e lanterne. A Chefchaouen potrai passare la giornata esplorando l’intricato labirinto di stradine che ne contraddistingue il centro storico ed immergerti nella sua ricca atmosfera culturale, dove si mescolano influenze berbere, islamiche ed ebraiche. Inizia la giornata con una visita a un panificio per assaggiare il pane cotto a legna appena sfornato e prosegui con una tagine a pranzo (cous cous con pesce, verdure, spezie e ras el hanout). Dopo, dedica qualche ora allo shopping e scegli se tornare a casa con un souvenir tessile o in ceramica. Al calar della sera, rilassati con una tazza fumante di tè alla menta sotto un cielo coperto di stelle, sulla terrazza del La Petite Chefchaouen.

Tashkent, Uzbekistan

La Moschea Minore di Tashkent

La Moschea Minore di Tashkent

Affascinante mix di nuovo e antico, Tashkent (pronunciata Toshkent) sta lentamente conquistandosi un posto nel panorama delle mete internazionali. La città è interessante sia come meta unica di un viaggio, sia come base per esplorare l’antica Via della Seta. Negli ultimi anni, l’Uzbekistan e la sua capitale hanno cominciato ad aprirsi al mondo (la valuta locale, per esempio, adesso può essere convertita nei mercati di scambio stranieri). Con un’anima che sembra quasi scindersi in due - da un lato l’industriosa capitale, dall’altra la sonnolenta e verde cittadina uzbeka - Tashkent vanta un mix architettonico dove gli elementi classici si alternano agli edifici brutalisti, alle cupole turchesi della Moschea Minore e allo splendore del Teatro dell’Opera e del Balletto Alisher Navoi. Per conoscere più da vicino la vita quotidiana della capitale uzbeka, visita il grande Bazar Chorsu: qui troverai praticamente di tutto, dai tradizionali chapan (indumenti invernali indossati come cappotti) alle miscele di spezie. In alternativa, visita le fermate della metro, i cui eleganti decori e le linee a volte geometriche sono finalmente fotografabili, dopo decenni di divieti. Per il tuo soggiorno scegli l’Ichan Qal’a Hotel, a pochi minuti a piedi dalla metro di Oybek.

Faro, Portogallo

Le incantevoli stradine di Faro

Le incantevoli stradine di Faro

Percorri il Portogallo fino alla sua punta più meridionale e raggiungerai Faro, una cittadina medievale imbiancata che sta gradualmente rivendicando un’autonomia come meta, dopo essere stata a lungo considerata solo una base per esplorare l’Algarve. Con un centro storico fatto di stradine acciottolate, romantici passaggi a volta e graziose piazzette, Faro ti farà davvero innamorare: ovunque guarderai, l’occhio ti si poserà su vivaci dettagli come le lanterne alle finestre o le viti che si arrampicano sui tetti degli edifici. Prenditela comoda e passeggia verso la Igreja do Carmo, le cui torri campanarie sono il più antico esempio di architettura rococò nell’Algarve, e che sul retro nasconde la macabra ma affascinante Capela dos Ossos. Qui, oltre 1.000 ossa e teschi umani appartenenti ai monaci seppelliti nelle vicinanze sono stati utilizzati per costruire la struttura della cappella. Faro non è una città ferma nel passato, anzi: la sua rigogliosa popolazione studentesca rende questa cittadina un luogo ideale per uscire e divertirsi, per esempio in strade come Rua de São Pedro o in Rua do Prior, dove troverai la maggior parte dei locali. Termina la giornata nella minipiscina idromassaggio riscaldata del Luxury Guest House, la scelta migliore per un soggiorno a Faro.

Malé, Maldive

Vista sulla città e sulla spiaggia

Vista sulla città e sulla spiaggia

La capitale delle Maldive è davvero lontana dall’idea che molti hanno del Paese, praticamente un immenso e paradisiaco set cinematografico. Ma ciò non è necessariamente un male: questa città, fatta di edifici dai colori delicati e puntellata di porti tranquilli, è la scelta giusta se vuoi conoscere la cultura del luogo. Benché abbia vissuto qualche vicissitudine, il Ponte di Sinamalé è stato inaugurato nel 2018 e collega ora le isole di Malé e di Hulhulé, segnando l’inizio di una nuova epoca per la città.
Inizia la tua giornata visitando uno dei monumenti più importanti, la Grande Moschea del Venerdì: realizzata in pietra di corallo e impreziosita da dettagli intricati, è la moschea più antica del Paese. Per avere un’idea dello spirito più puro di Malé, visita il mercato del pesce, dove potrai vagare tra i banchi che espongono il pescato del giorno. Poi vale la pena di fare una passeggiata tra le pittoresche case della città (a cui gli abitanti del posto danno nomi bizzarri come Banana Cabin, Dawn Fresh e Leaf Mess), e infine ammirare il mare di notte, magari dalla tua camera del Sanmann Grand.

**I data scientist di Booking.com hanno preso in considerazione le città che hanno visto il maggiore aumento di prenotazioni tra il 2015 e il 2018 (con un minimo di 500 prenotazioni).