Modifica lingua

Il nord della Francia per i buongustai

Non c’è Paese al mondo (o quasi!) con una tradizione gastronomica che si avvicini a quella della Francia. Se sai dove andare e conosci le origini dei piatti, la tua esperienza culinaria sarà un vero successo ed è per questo che abbiamo preparato una piccola rassegna delle regioni e dei loro piatti tipici, a cominciare dal nord del Paese.

Crêpes e galettes a Brittany

Fame? Vai di galette complète, una sostanziosa crêpe di grano saraceno con prosciutto, formaggio e un uovo all’occhio di bue

Fame? Vai di galette complète, una sostanziosa crêpe di grano saraceno con prosciutto, formaggio e un uovo all’occhio di bue

La regione più a nord-ovest della Francia è il regno delle crêpes. Sottili, delicate e amate in tutto il mondo, nelle crêperie di Brittany vengono preparate davvero a regola d’arte. Da noi conosciamo bene quelle alla Nutella, ma a Brittany la favorita è quella bretone o galette complète: una crêpe salata che viene abbondantemente farcita con prosciutto cotto e formaggio e un bell’uovo al tegamino sopra. I lati della crêpe vengono richiusi verso il centro ad avvolgere il ripieno, formando morbide pieghe dalla sublime consistenza. Prova questa prelibatezza al Breizh Café di Saint-Malo e, con in mano una bottiglia di sidro bretone, dirigiti poi alla rustica e bucolica Villa Athanaze.

Camembert e pont-l’évêque in Normandia

Chi visita la Normandia, il camembert si porta via

Chi visita la Normandia, il camembert si porta via

Potrebbe sembrare limitante associare al fromage una specifica regione di un Paese che è tutto... “a buchi”, ma la Normandia la fa da padrone in questo settore e i suoi abitanti ne vanno fieri! Con i suoi infiniti ettari di terreno e i vasti allevamenti di mucche da latte, la Normandia rifornisce tutta la Francia con alcuni tra i suoi migliori formaggi. Il cremoso neuchâtel, il camembert dalle note di burro, il piccantino pont-l’évêque: prendono tutti il nome dal comune o dalla cittadina di produzione. Se visiti Camembert concediti un ricco tagliere misto, accompagnato da un buon bicchiere di vino, al Prieuré Saint-Michel.

Croque-monsieur… e madame, all’Île-de-France

I francesi sono riusciti a migliorare il classico toast. Ecco a voi il croque-monsieur

I francesi sono riusciti a migliorare il classico toast. Ecco a voi il croque-monsieur

L’Île-de-France, a cui appartiene Parigi, è probabilmente la “capitale” culinaria del mondo, o quantomeno ha avuto un ruolo fondamentale nella storia della gastronomia. Impossibile associarle un unico piatto, ma nella categoria del “cibo da strada”, veloce e gustoso e dunque perfetto per lo stile di vita urbano, vincono il croque monsieur e il croque madame. Chi viene da fuori potrebbe dire che non sono altro che dei semplicissimi toast, ma i parigini sanno bene che non è così. Per fare il monsieur, due fette di buon pane casereccio vengono leggermente imburrate, tostate e imbottite con formaggio, prosciutto cotto, besciamella e un tocco di senape. Il tutto viene poi ricoperto con altro formaggio e besciamella e passato in forno, raggiungendo la perfezione del panino caldo e filante. Il croque madame è simile ma ancora più ricco, con l’uovo all’occhio di bue in cima. Per un pranzo sostanzioso, quindi, vai da Carette vicino alla fermata della metro Trocadéro e all’Hotel Villa Nicolo.

Moules-frites e flamiche au maroilles in Alta Francia

Ami i frutti di mare? Prova le moules à la crème, un sautè di cozze con aggiunta di panna

Ami i frutti di mare? Prova le moules à la crème, un sautè di cozze con aggiunta di panna

Con un distinto carattere fiammingo, l’Alta Francia è una regione che riesce a unire il meglio di quelle confinanti con i suoi prodotti locali. Le moules-frites (cozze e patate fritte) è uno dei piatti preferiti dei francesi a livello nazionale, ma la sua casa è qui in Alta Francia. La moules marinière è una sua variante classica, dove le cozze vengono cucinate in un ricco brodo con vino bianco, prezzemolo, scalogno e (indovina?) burro. Ma se proprio vuoi esagerare chiedi le moules à la crème, con l’aggiunta di farina, panna e aglio. Se invece il pesce non fa per te prova il maroilles, un formaggio particolarmente forte con cui viene preparata anche l’omonima torta salata (la tarte au maroilles), una sorta di quiche di pasta brisée con aggiunta di burro e panna acida nel ripieno. A Lille puoi provare tutto questo, magari con base a L'Esplanade Lille, un bell’hotel vicino al centro e ai ristoranti.

Quiche e tarte flambée nel Grand Est

Una base sottile e croccante con cipolle, pancetta e panna acida: è la tarte flambée

Una base sottile e croccante con cipolle, pancetta e panna acida: è la tarte flambée

Un’altra regione che trae ispirazione da quelle limitrofe è il Grand Est. I suoi piatti tipici prendono spunto dalla tradizione tedesca, valorizzandoli con un tocco francese. Ingredienti sostanziosi e genuini danno vita a piatti come la quiche lorraine, molto diffusa in zona: per chi non la conoscesse, trattasi di un guscio di pasta simile a una frolla salata, con un ripieno cremoso di uova, panna (o latte nelle versioni più leggere) e pancetta. E la tarte flambée alsaziana è abbastanza simile: una specie di pizza con base sottile e farcitura di cipolle, pancetta e panna acida. La cipolla viene fatta soffriggere assieme alla pancetta, regalando un gusto leggermente legnoso e affumicato, e una volta sfornato il risultato finale è una sottile focaccia croccante dall’aspetto rustico e appetitoso. Passa a Strasburgo per assaggiare i piatti che abbiamo appena descritto, e se vuoi pernottare, una graziosissima e valida scelta è L’Atelier.

Tarte tatin nel Centro-Valle della Loira

Per un momento di dolcezza: tarte tatin con panna

Per un momento di dolcezza: tarte tatin con panna

La splendida Valle della Loira è tra le perle della Francia settentrionale, e la sua tradizione gastronomica è davvero qualcosa di speciale. Tanto celebre per la sua produzione vinicola, la regione Centre-Val de Loire è in realtà anche quella dove è nata la deliziosa tarte tatin: una crostata rovesciata in cui le mele caramellate e lucide coprono una generosa base di frolla friabile e dorata. Conceditene una fetta bella grande accompagnata da una pallina di gelato o un po’ di panna montata, nei giardini dello Chateau des Arpentis.

Brioche e biscotti a volontà nei Paesi della Loira

Il classico petit beurre, semplice ma speciale, dà il meglio di sé inzuppato nel latte

Il classico petit beurre, semplice ma speciale, dà il meglio di sé inzuppato nel latte

Subito sotto Brittany, la regione dei Paesi della Loira è una mecca per i più golosi. Brioche, frolle e dolci di ogni tipo spuntano a ogni angolo ma il più amato di tutti resta il famoso biscottino rettangolare chiamato “petit beurre”. Il piccolo e friabile biscotto dorato al burro, dall’aspetto un po’ rétro e con il suo nome scritto sopra, trova ancora posto nelle merende dei bambini francesi, a volte nella versione con un lato ricoperto di cioccolato al latte. Nantes è la sua “casa spirituale”, pertanto soggiorna al Gîte des Carmélites per riempire la dispensa e mangiarne a volontà.